casa editrice la fiaccola


Wacker Neuson registra una crescita a due cifre nel terzo trimestre 2019Guadagni al di sopra della media con pale gommate e movimentatori telescopici



Bilancio positivo nel terzo trimestre del 2019 per il gruppo Wacker Neuson. Il produttore di macchine edili e compatte ha registrato un aumento delle entrate pari al 12,4 per cento rispetto all'esercizio precedente per raggiungere 467,2 milioni di euro. I ricavi del gruppo per i primi nove mesi dell'anno sono stati pari a 1.417,9 milioni di euro, con un aumento del 14,3% rispetto all'anno precedente. I ricavi per l'Europa, che rappresentano quasi i tre quarti del totale del Gruppo, sono aumentati del 10,0 per cento nel terzo trimestre per raggiungere i 337,6 milioni di Euro.
Ancora una volta, il Gruppo ha registrato guadagni al di sopra della media con pale gommate e movimentatori telescopici per il settore agricolo. Gli introiti generati in questo campo dai marchi del gruppo Kramer e Weidemann sono aumentati del 23,4 per cento a 72,8 milioni di euro. Nel settore delle costruzioni, Wacker Neuson ha registrato una forte crescita in Europa centrale, Italia, Spagna e Inghilterra. "Il fatto che stiamo assicurando guadagni a doppia cifra in mercati difficili come l'Inghilterra dimostra che siamo in grado di conquistare i clienti con la nostra spinta innovativa e un servizio incentrato sul cliente", spiega Martin Lehner, CEO di Wacker Neuson SE. (descrizione)
Le entrate nelle Americhe sono ammontate a 114,9 milioni di Euro, con un incremento del 17,6%. Inoltre, il Gruppo ha registrato un marcato aumento delle vendite di attrezzature compatte importate dall'Europa. I ricavi per l'Asia-Pacifico sono stati pari a 14,7 milioni di Euro rispetto agli 11,1 milioni di euro del trimestre dell'anno precedente. Con 40,2 milioni di Euro, il Gruppo Wacker Neuson ha registrato un leggero calo dell'utile prima degli interessi e delle imposte (EBIT, Earnings Before Interests and Taxes) rispetto al terzo trimestre del 2018. L'EBIT espresso in percentuale dei ricavi è stato dell'8,6 per cento. “Alla luce degli attuali elevati livelli d’inventario e del sempre più difficile contesto di mercato, i tagli ai programmi di produzione nei nostri stabilimenti sono stati più estesi di quanto inizialmente previsto. Ciò ha comportato un temporaneo calo della produttività ", continua Lehner.

Partner